Oggi vi presento un gadget decisamente particolare, pensato per chi soffre molto il jet lag o il disordine affettivo stagionale (meglio noto come sindrome SAD), causato dalle poche ore di luce solare presenti durante il periodo invernale.

Humancharger®, distribuito dalla finlandese Valkee, è infatti definito dalla stessa azienda come “un sole tascabile”: il device, del tutto simile per forma e dimensioni ad un lettore portatile mp3, permette di stimolare in maniera mirata i fotorecettori presenti nel nostro cervello attraverso degli auricolari dotati di led, portando così al rilascio di serotonina, dopamina e noradrenalina e determinando un benessere generale ed una ritrovata energia.
Per gli scettici come me, il background tecnico che ha portato alla realizzazione di questo prodotto innovativo è davvero ben spiegato sul sito del produttore, oltre che supportato da articoli scientifici su riviste peer-review.
Lasciando per un attimo da parte quelle che sono le questioni puramente scientifiche, vado ora ad illustrarvi le mie impressioni su Humancharger®.

CONTENUTO DELLA CONFEZIONE

La confezione si presenta molto bene, essenziale e pulita.

All’interno troviamo l’unità principale, gli auricolari LEDSet comprensivi di gommini di ricambio, il cavo di ricarica ed il manuale di istruzioni. L’unità principale, di metallo nero lucido, minimale e con indicatori led, è molto curata e al tatto da impressione di solidità e durevolezza. L’unico pulsante presente serve per cominciare la sessione di “ricarica umana” e per regolare il tempo di esposizione e l’intensità dei led in base alle proprie esigenze.

Gli auricolari, provvisti di led a 3.5 lumen, non mi hanno convinto al 100%. Mi sembra infatti che la cura certosina riservata all’unità principale non sia stata riservata agli auricolari LEDSet, i quali appaiono non così resistenti e un po’ “plasticosi”. Nonostante questo una volta indossati sono davvero comodissimi e i gommini molto morbidi contribuiscono a rendere molto piacevoli le sessioni di utilizzo. Infine il cavo di ricarica, né troppo lungo né troppo corto, permette la ricarica del dispositivo attraverso qualsiasi presa USB.

IMPRESSIONI D’USO

Usare Humancharger® è davvero semplicissimo: basta indossare gli auricolari e premere il tasto sull’unità principale per iniziare il trattamento, che ha una durata di 12 minuti. Una volta trascorso il tempo previsto, l’utente viene avvertito con un segnale sonoro ed il trattamento LED cessa automaticamente.
Seguendo quanto contenuto nelle istruzioni, mi sono sottoposto a 2-3 trattamenti al giorno per una settimana. Date le dimensioni di Humancharger®, le sessioni possono essere svolte davvero dovunque e, data la durata ridotta, anche nei ritagli di tempo.

Quindi funziona veramente?

A conti fatti direi proprio di sì… Durante tutto il periodo di prova non ho notato nessun effetto collaterale relativo all’uso di Humancharger®, ma anzi più energia e benessere e di contro meno stress. Probabilmente la mia può essere considerata in parte autosuggestione data dalla novità, ma credo che questo prodotto si dimostri davvero efficace e mantenga la promessa di stimolare in maniera positiva il cervello tramite i fotorecettori.

La batteria ha una durata dichiarata in 12 trattamenti, 13 nel mio caso.
Lo considero un ottimo risultato considerato anche il breve tempo di ricarica dell’unità.

CONCLUSIONI

Humancharger® è davvero un prodotto particolare, che ha però dimostrato di poter dare una mano al nostro organismo in maniera semplice e veloce, che sia per ovviare agli effetti del jet lag o per un migliore benessere personale in stagioni povere di raggi solari. Se vi riconoscete nelle categorie di cui sopra, Humancharger® è sicuramente un prodotto che vale la pena di essere acquistato e non uno specchietto per le allodole, anche se chiaramente non si possono pretendere risultati miracolosi dalle sessioni di utilizzo.
Ciliegina sulla torta può essere considera l’app per smartphone, valido aiuto per programmare le nostre sessioni con Humancharger® in maniera efficace, soprattutto per i viaggiatori incalliti soggetti a frequenti cambiamenti di fuso orario!

Si acquista per 199€ direttamente da questo link su Amazon.it.

PRO
Design unità principale
Facilità d’uso e portabilità
Batteria

CONTRO
Qualità costruttiva auricolari migliorabile

Un enorme grazie al mio amico Federico Riva per l’aiuto nella recensione completa, a presto dal vostro Marco Tognoli!

Carica di più di Marco Tognoli
Carica di più Cuffie

Leggi anche...

Pictar One – Il grip per trasformare l’iPhone in una vera fotocamera | Recensione

Probabilmente tutti, chi più, chi meno, ha già sentito il bisogno di avere una fotocamera …