Oggi vi voglio raccontare della mia esperienza in palestra con le nuove auricolari di iFrogz, le Summit Wireless.
Mi trovo per lavoro a dei meeting sull’IT e nel mio albergo ho anche una stupenda palestra… Allora mi chiedo: perchè non provare nel suo habitat naturale questo prodotto (che è stato presentato ad IFA 2016 un mesetto fa)?

Partiamo dalla confezione:

ifrogz-summit-wireless-recensione-prova-2

Semplice davanti, dettagliata sul retro…

ifrogz-summit-wireless-recensione-prova-4

Vediamola aperta e con il suo contenuto.

ifrogz-summit-wireless-recensione-prova-3

ifrogz-summit-wireless-recensione-prova-5

La struttura dell’auricolare è di quelle “ibride”, ossia un piccolo dongle contiene batteria, tasti, microfono, led e antenne Bluetooth, e da esso partono i due cavi (qui piatti) che arrivano agli auricolari. Presente anche il classico micro USB per la ricarica.
Il vantaggio rispetto alle altre tipologie in ambito sport è presto detto: l’aggancio magnetico a clip da posizionare sul collo della t-shirt scarica tutto il peso dell’hardware lontano dalle orecchie, che quindi sono meno costrette e più libere nei movimenti, oltre che meno stressate. Qui sotto la clip magnetica in dettaglio…

ifrogz-summit-wireless-recensione-prova-6

E come sta una volta appesa al collo della maglietta:

ifrogz-summit-wireless-16

Vediamo da vicino come è fatto il corpo degli auricolari: in materiale plastico, dalla costruzione robusta; oltre ai classici gommini in tre misure, qui sono presenti degli archetti morbidi (in stile StayHear di Bose) che aiutano TANTISSIMO a farli stare fermi durante le sessioni di sport più intense.

ifrogz-summit-wireless-recensione-prova-9

Anche essi sono presenti in tre misure differenti (due + una già montata).

ifrogz-summit-wireless-recensione-prova-11

Ecco come si sono comportati in diverse attività:

  • pesistica: i movimenti di braccia anche vicino al viso non sono un problema;
  • corsa: qui gli auricolari stanno fermi, ma si sente un leggero tic tic provenire dalla giuntura tra il cavo e l’auricolare stessa, non termosaldato, quando i cavi sbattono sul nostro collo;
  • panca e addominali: bene, nemmeno da sdraiati si muovono dalla loro sede, merito soprattutto degli archetti;
  • bicicletta: benissimo.

Da chiusi, possiamo far passare i cavetti attorno al dongle per un look compatto e senza grovigli.

ifrogz-summit-wireless-recensione-prova-12

Parliamo ora del dongle e di come suonano… Riguardo al dongle, presenta tre pulsanti: due ai lati per il volume e uno centrale che serve ad accendere e spegnere (click lungo), abbinare (click medio) e play/pausa (click breve). Non funziona purtroppo per attivare Siri e non funziona il doppio click per andare al brano successivo, così come il triplo click per il brano precedente.

Questo particolare mi ha lasciato perplesso, in quanto per cambiare brano dovevo sempre ricorrere all’Apple Watch oppure allo schermo del mio iPhone 7 Plus. Una cosa carina, invece, non presente su molti prodotti Bluetooth, è la possibilità di monitorare il livello della batteria direttamente sullo schermo dell’iPhone, accanto alla batteria del telefono:

ifrogz-summit-wireless-recensione-prova-1

E sul come suonano?
Trattandosi di auricolari da 39€, non mi aspettavo grandissimi risultati… ma sono stato sorpreso invece dal bilanciamento dei toni, in stile flat: bassi, medi ed acuti sono davvero agli stessi livelli, non eccellendo in particolar modo sulla fedeltà. Invece il volume è altissimo e l’isolamento acustico eccellente.

In sostanza: sono più comodi ed efficaci per lo sport (ricordiamo la resistenza al sudore e ai piccoli urti) rispetto a come suonano in termini prettamente audiofilistici, anche se, ripeto, il tono è super bilanciato.
Mi sento di dare alla qualità audio un voto intorno al 7 e 1/2.

Altri due aspetti negativi (tra i molti positivi) che ho trovato abbiamo la portata che è di 5 metri al massimo e il fatto che ogni tanto si perde il segnale per una frazione di secondo, circa ogni 5/10 minuti.

L’autonomia dichiarata mi pare rispettata (in un’ora di palestra ho bruciato circa il 10% di batteria).

Vi inserisco qui sotto un’immagine che mostra come si posizionano e come sono saldi nell’orecchio.

ifrogz-summit-wireless-18

Prima della pagella finale, vi ricordo che li potete trovare a 39€ o meno (al momento 37€) sulla pagina di Amazon.it al seguente link: http://amzn.to/2dQabnU .

A questa pagina trovate il sito del produttore: http://www.zagg.com/us/en_us/zagg-pr/audio/summit-wireless-earbuds/summit-bluetooth-wireless-black

Riguardo al voto finale… leggete sotto ma vi anticipo che il totale è di 4.2 stelle su 5!

ifrogz-summit-wireless-17

A presto dal vostro Marco Tognoli!